Altrove

Altrove è più che altro un’idea, o un insieme di idee, dato che nessuna idea appartiene all’autore, ma al mondo intero.  Altrove è un luogo irraggiungibile, poiché una volta che ci sei, sei Altrove. Non è un autore che scrive, ma mille autori che scrivono attraverso il punto di vista di uno solo.. Altrove è tentare di uscire fuori dalle griglie prestampate, inutili e sterili. Squarciare le differenze e riunire le somiglianze. Mettere una lente di ingrandimento sulle linee di demarcazione che abbiamo creato. Un’analisi chimica delle sostanze di cui è fatto l’universo, attraverso il proprio sentire, il proprio non ragionamento. L’illogicità, l’incongruo, l’uscire dal regno del bene contro il male, o l’entrarci lasciando a casa il proprio giudizio. E’ metafisica, ma anche ultrafisica. Pensiero astratto e grufolamento nel fango. La ricerca di un’esperienza genuina, non mediata, non seguita perché scritta in un libro, ma perché sentita propria, interiorizzata. Altrove è scrivere perché se ne ha voglia e non per diventare scrittore. L’opera in sé è ben poca cosa senza chi l’ha realizzata, per questo, in questo posto, non c’è arte, ma solo artisti..

 

Mail:  altrove34@yahoo.it

One thought on “Altrove

  1. L’Altrove è un invito,
    il migliore fra i possibili.
    Lo diceva così Pessoa:

    “Andiamo via, creatura mia,
    via verso l’Altrove.

    Lì ci sono giorni sempre miti
    e campi sempre belli.

    La luna splende su chi là vaga
    contento e libero
    ha intessuto la sua luce con le tenebre
    dell’immortalità.

    Lì si cominciano a vedere le cose,
    le favole narrate sono dolci come quelle non raccontate,
    là le canzoni reali-sognate sono cantate
    da labbra che si possono contemplare.

    Il tempo lì è un momento d’allegria,
    la vita una sete soddisfatta,
    l’amore come quello di un bacio
    quando quel bacio è il primo.

    Non abbiamo bisogno di una nave, creatura mia,
    ma delle nostre speranze finchè saranno ancora belle,
    non di rematori, ma di sfrenate fantasie.

    Oh, andiamo a cercar l’Altrove”

    lascio queste parole come biglietto di augurio:
    c’è chi regala fiori e chi predilige la prosa.

    In bocca al lupo per tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...