Amore più libertà uguale logica

Uno sguardo al passato, e una smorfia che non capisco se sia piacere o dolore.

Cerco fra i volti qualcuno, qualcosa, che sia stato con me testimone di quegli atti, di quei momenti a cui non si riesce a dar credito da soli.

L’umanità intorno a me, si nutre ancora degli stessi ideali. E gli individui si divorano l’un l’altro, e mentre masticano gridano amore, libertà. Ma l’ amore è sempre l’amore che non ricevi. Libertà è sempre quella che non hai.

Dalla mia esperienza, amore e libertà, sono cose che possono essere solo date. Conquistate semmai, raggiunte forse, ma non certo imposte. L’amore imposto, nella mia testa, si chiama stupro. La libertà imposta, si chiama prigione.

Rimarco ancora l’ovvio oggi, inserendo come criterio la logica. L’amore arriva quando non ne hai bisogno, la libertà è tua se di lei ti sei liberato. Ma il baraccone mediatico avanza, confusamente, prendendo qua e la i pochi spezzoni che riesce a comprendere, e li da in pasto agli eletti, a chi ha bisogno di sentirsi speciale, che è il primo segno logico di riconoscimento del fatto che speciali, non si è. Mi ha sempre fatto senso di quanta gente cerchi ancora la salvezza da chi continuamente li condanna. Ma cercare la salvezza è il primo sintomo di chi non ha condanna. E siamo di nuovo punto e a capo, al fulcro centrale di miliardi di anni, o di un istante se vuoi. Tu..

Tu sei l’unico tuo problema, tu sei l’unica soluzione. Il grande gioco delle parti, che se non riconosciuto porterà all’esterno questo paradosso. Il problema sono gli altri. La soluzione a questi altri sono altri altri. Credo che questo tipo di logica venga insegnata alle elementari..

C’è però da precisare che in queste parole non vi è una colpa intrinseca, che significa non sei responsabile di quello che ti accade, ma di quello che fai, di come agisci, dentro e fuori, il che poi potrà influire su ciò che ti accade. Magia? Meccanica..

Perchè c’è da sfatare un mito amici. Ed è il tutto intorno a noi che ci dimostra lo svolgersi di questa norma: tu attrai chi ha bisogno di te.

Non ci avevi mai pensato eh? Ti sei fatto fregare dalle facili e sinuose forme della centralizzazione dell’universo in te stesso, ovvero del bisogno di prima di sentirsi speciali, del bisogno di rivalsa per tutto ciò che invidiamo e che non è toccato a noi. E’ buffo, sei un essere unico, irripetibile nell’universo, e cerchi di tutto per non esserlo. Ma tranquillo, puoi stare certo che tutti ci siamo passati. C’è chi ci sguazza ancora, c’è chi l’ha superato, tutto dipende solamente da quello che vuoi, che hai voluto, che vorrai.

Il simile attira il simile? Oddio, come scambiare conseguenza per azioni. Usiamo la logica. Vai lungo un fiume, prendi due ciottoli, si assomigliano? Entra in un bar, con quale persona parlerai? E di cosa parlerete? Devo continuare? Perfino il camaleonte e il polipo ci sono arrivati. Scambiare saggezza per illusioni ottiche e tranelli mentali. Niente di speciale, tutto naturale.

Il baraccone avanza, e quando mi arrivò addosso, non mi scansai, mi feci travolgere, per vedere, annusare da vicino, la puzza di morto che emanava, tanti erano i cadaveri che gli andavo appresso. Come i bambini che mettono tutto in bocca, e si immunizzano dai batteri, così mi sono immunizzato dal tanfo di tutti quelli che ancora cercavano un potere.

Ricerca di potere: primo sintomo della mancanza di una coscienza propria.

Coscienza: primo sintomo dell’universo ( indifferenza di potere)

Vorrei precisare una cosa, dato che la mente spesso fa brutti scherzi nel trarre significati dagli input che riceve. Quando parlo di cadaveri, il baraccone tende a mostrarti che essi siano la maggior parte delle persone, ma è solo un trucco di specchi, di montaggio video, di elaborazione audio. Essi sono la minoranza, e li attiri, perchè essi hanno bisogno di te, della tua coscienza. Le persone intorno a te non sono quei cadaveri, sono solo persone, con le loro difficoltà, con i loro sentimenti, incazzate per come questo mondo ti porta a essere, e che arrese, si lasciano trascinare, ma sono vive, e nei loro occhi, nei bronci e nelle risate, troverai sempre un calore che non troverai mai nei volti del baraccone. Lui ha bisogno di te, e sta a te decidere cosa farci in merito. Puoi anche fregartene. Nessun fulmine ti colpirà, te lo prometto. Io sono ancora qui..

E anche se in certi momenti bui, viene la voglia di gettare la spugna, e ti domandi che senso abbia resistere, ricordati questo. E’ solo un trucco. Sono loro che stanno resistendo a te, e stanno utilizzando ogni cosa a ogni costo e ogni tecnologia per contrastare tu che nemmeno lo sai. Amico, sono messi male, non farti ingannare da questi prestigiatori della domenica. Hai un arma potentissima che porta il tuo nome, hai un corpo, braccia e gambe, una coscienza, una mente capace di meraviglie inimmaginabili. Non fermarti alla loro verità, perchè anche fosse vera, se è l’unica che ascolti, non ti servirà a niente. Al contrario, ascoltarne mille, ti aiuterà a trovare la tua.

Usa i pochi mezzi che hai, al resto ci penserà la tua immaginazione, quella cosa che solo la coscienza ha, o meglio, è.

Usa la logica, che non significa usare una logica, ma semplicemente usa la tua testa per risolvere i tuoi enigmi. Il baraccone non sa farlo, ha bisogno di te per farlo, per poi rigirartelo a te, condito con la pochezza che li accomuna.

Amore e libertà sono concetti che devi cercare da solo, non fartela insegnare dagli altri. Quando poi ti sarai fatto un idea, le parole degli altri assumeranno un senso diverso che probabilmente prima ignoravi. Ma senza di te, saranno sempre parole vuote, riempite con ciò che serve al momento.

Cerco ancora fra i volti, e anche oggi mi stupisco di quanti ne riesco a trovare. E che sia dolore o piacere poco m’importa, ciò che conta è con chi potrai condividerlo. Perciò, se mi stai leggendo, sappi che ho bisogno di te. Grazie di esserci..

Annunci

One thought on “Amore più libertà uguale logica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...