Amor proprio

Devo tenere più a mente le cose, voglio sforzarmi di essere più presente. Mi scordo tante cose, mi scordo della Qualità, della ricerca della Qualità intesa in senso verticale. Mi scordo di quanto sia importante leggere buoni libri, dell’arte, del teatro, della poesia, del buon cibo. Mi scordo per questo dell’Amor proprio e mi scordo che sono la prima persona a cui devo dare amore. Aveva ragione quella ragazza che mi diceva di amare me stesso prima di amare gli altri.
L’Amor proprio.
Mi sono pure scordato di quando dicevo, tornato dal Brasile, che la felicità è una condizione propria. Che scemo io, eppure tu!, se mai hai permesso che qualcuno si appropriasse di questa tua condizione. Ancora più scemo se proprio te stesso ti sei permesso di affidarla a terzi, seppur per gioco. Ricordo lo sguardo di quel bambino che fumava crack dentro quel cassonetto, lo ricordo bene. E ora sto qui con venti euro in tasca e un cellulare che fa le foto a lamentarmi che lei non mi ama più. A cercare di dare la colpa a qualcuno: ‘alla fidanzata di prima forse, o forse è colpa dei miei genitori’, poi addirittura metto nel mezzo le serie televisive come Dowson’s Crack.
Che poveraccio che sono quando mi addormento per lunghi periodi, riesco addirittura a farmi mettere i piedi in testa, se non le zampe, dall’animale più stupido, da chi vale meno della plastica.
‘Ben mi sta’, mi ripetevo prima camminando sotto questa luna piena mentre mi davo un paio di schiaffi. ‘Ben mi sta.’
Altro che dare la colpa a qualcuno, c’è da andare a piangere da soli sul cesso.
L’Amor proprio, la ricerca della Qualità, lo spessore e non il numero.
Dai, fatti dei tatuaggi sui polsi non so, ma tienilo a mente.
L’Amor proprio.
Volevo denunciare il fatto che hanno frantumato la vita di mia madre con gli psicofarmaci e l’eroina, e pensavo di fare questa denuncia in pubblico riuscendo a raggiungere delle condizioni di disagio talmente alte o basse da rimanere impresso nella memoria di chi avessi incontrato. Come a manifestare lo schifo e il degrado più totale dell’umanità, credevo di suscitare nelle persone domande di un certo tipo, sopravvalutandole o sopravvalutando me, come se potessero chiedersi come mai una buon’anima, per non dire un essere umano, arrivasse a tale condizione, oppure, che cosa mai lo spingesse così tanto oltre il limite.
Poi mi son sentito dire, guarda che a quelli non gliene frega una sega di te, ma proprio un cazzo, a qualcuno forse fai pena, a qualcun’altro ridere un pò, forse a quello guarda, quello laggiù, seduto per terra con la barba incolta e i vestiti sporchi, forse lui ti capisce e osserva cosa stai facendo.
E allora animo, se deve essere anche inutile mi rimetto sul binario dell’Amor proprio per me stesso. E allora crescerò se ci sarà da crescere, smetterò di ammirare la Luna piena dicendomi che è solo una cazzo di palla gialla, smetterò di ammirare il miracolo della natura, della potenza di un fiore che sboccia nel cemento, andrò lì e staccandolo esclamerò:”Capirai che potenza, sei già morto.”
Abbraccerò il mio nero cane dopo tanto tempo e mi farà addosso due gocce di pipì e allora gli dirò sgridandolo che è un coglione e che dovrà crescere anche lui, ma lui salterà per leccarmi, mi darà una zampata in faccia per sbaglio, urlerà abbaierà e farà tanti giri su se stesso come preso dal fomento e la smania di Essere, e allora riderò e penserò che già mi ha insegnato cosa sono la dignità e il rispetto e penserò che poi crescere, ecco, che non è poi così tanto bello, che basta l’Amor proprio e la ricerca della Qualità per farsi bene e fare del bene. E allora starò tranquillo a giocare ridere e scherzare. Pensando che la felicità è una condizione propria e che non c’è effettivamente motivo di disperarsi per motivi che ti butti addosso per disperarti.
E allora bene, abbandono la terza persona prima di aver iniziato, dicevo avrei iniziato a scrivere in terza.
E allora bene di nuovo, cominciamo da qui, dopo questo punto. Qualità e Amor proprio. Ci sono.

Luce.

Annunci

One thought on “Amor proprio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...