Fenomenologia di Drogba/L’amore ai tempi della Virgin

Fenomenologia di Drogba

Ci sono alcuni calciatori che si spiegano in una pagina, meno, in una parola, sto pensando a Bobone Vieri, che certo qualche gol bello lo ha anche fatto e altrettanti ne ha sbagliati, ma a parte questo si può dire che è un pratese che si è trombato delle fiche di cui non è degno, o forse, come direbbe matta mei, sacchi di merda e va tutto bene così. O scrivere una fenomenologia della Juventus, che si riassume dicendo che son dei ladri e non c’è da aggiungere altro. Su Drogba invece ci sarebbe da dir di più, sarà che è pesci, sarà che ieri sera ha vinto da solo una Champions League, sarà che sembra un ivoriano uscito dalla banlieu, o dalla foresta, sarà che noi si mangiava il pollo di alfio. La partita era segnata dalla sua presenza discontinua e dalla assenza di Di Matteo, un assenza che però ci stava ed era dolce vederlo fuori luogo, che non sapeva dove guardare, perché sembrava che tutto fosse successo come sempre accade a prescindere da lui. Che è la vera verità delle cose vere. Stasera invece vince il Napoli e noi siamo così, da serie B, ma se si dice serie b oggi non si può non pensare a Zeman e alle sue sigarette. Comunque. Drogba oggi ha detto che lascia Londra e anche in questo io lo capisco, o forse non lo capisco, ma mi piace. M’immagino la city il giorno dopo della vittoria, con i treni in orario e gente distesa e stretta e indifferente. La provincia è in piena Reconquista.

 

L’amore ai tempi della Virgin

Oggi alla virgin con Sartini e il Gala. Questi posti non sono luoghi del desiderio, perché ciò che c’è è la carne, e c’avevano ragione gli arabi e i maltesi e questi posti dovrebbero essere per uomini o per donne e non misti. Ne guadagneremmo tutti, sarebbe bello incontrarsi in certe aree e in altre no, come all’uscita da messa, che però sarebbe la sala attrezzi, che son palestre entrambe, in effetti. E poi pensare che diventare adulti vuol dire potersi permettere un abbonamento alla Virgin, o se si sale ancora, e quindi spinta a salire, alla Klab. Mitologica quella di Marignolle. Se parti già da lì, altri problemi, che comunque non mi riguardano troppo e che ancora non ho scoperto, ma son frequentazioni recenti e a scontri a scacchi siamo ancora in parità.

 

22:5:2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...